Sei disposto a seguirLo nella tua vita?

Abbiamo appena celebrato la solennità dell’Epifania e abbiamo potuto, ancora una volta, ascoltare il racconto dei Magi. Questi misteriosi saggi venuti da oriente, dopo un lungo viaggio, si prostrano ad adorare il Bambino e consegnano i loro preziosi doni: l’oro, l’incenso e la mirra. La quasi totalità delle raffigurazioni presenta i Magi o nell’avvicinarsi a Betlemme o nell’atto di adorazione del Bambino.

Ad Autun, in Borgogna, invece viene rappresentato un misterioso gesto nella notte, scolpito sulla pietra e pieno di significato. La storia è quella che da sempre accompagna il Natale, e in parte si è già svolta: i Magi hanno già visto il Bambino e già consegnato i loro doni; dormono, ora, sfiniti, per riprendere forza ed affrontare, il mattino seguente, la strada del ritorno.

Ed ecco che un angelo si accosta ai loro sogni e li sveglia per sussurrare loro la raccomandazione nota a tutti. È uno dei capitelli della grande chiesa di St-Lazare ad offrirci la meravigliosa rappresentazione del sonno dei tre saggi: l’angelo dal cielo è già arrivato e affianca il giaciglio dei Magi. Ha l’incarico di dire loro di non tornare da Erode e di far ritorno verso casa per altre strade.

Ma l’angelo scolpito nel capitello indica la stella, mentre sveglia i Magi. Come mai? Non li invita certo a seguirla nel viaggio di ritorno: nessun sapiente può immaginare una cometa che torna anche indietro. E poi la stella non ha più la coda: è ferma, è un fiore. E allora? Perché l’angelo punta il dito verso di lei?

I Magi riposano l’uno accanto all’altro, con le tre teste sullo stesso cuscino. L’angelo con un indice alzato indica la stella e con l’altro sfiora appena il dito del re mago più vicino che si sveglia e si turba; il suo compagno apre appena un occhio, il terzo, sfinito dalla fatica, dorme profondamente.

La domanda dell’angelo è semplice. Chiede: “Ora che avete visto il Dio fatto uomo in un bimbo, seguirete nella vostra vita la sua stella?”. E la risposta è altrettanto chiaramente scolpita nel marmo di Autun: anche tra le teste coronate e sagge c’è chi vede e poi crede, c’è chi forse si converte solo a metà, e infine c’è chi, pur avendo visto, dimentica molto molto in fretta. Nel prossimo Natale anche noi saremo chiamati a contemplare il Dio fatto bambino e, dopo averlo adorato, offrirgli i nostri doni. Ma la domanda dell’angelo, come un sussurro leggero, risuona anche per noi: “Sei disposto a seguirlo nella tua vita?”

Fra Francesco Ielpo

Perché un sito?

L’informazione, ma più ancora la comunicazione, la voglia di conoscerci e collaborare e il desiderio di formare una comunità di sorelle e fratelli che camminano insieme e si aiutano.

Continue reading

Fratelli tutti

Condividiamo la relazione di fra Roberto Giraldo, superiore del Convento di sant’Angelo, in occasione dell’incontro promosso insieme al Centro Helder Camara e in collaborazione con il Commissariato della Custodia di Terra Santa, il 18 novembre 2020, dal titolo “Fratelli tutti. In ascolto di papa Francesco per una rinnovata fraternità e amicizia sociale”.

Continue reading

Tutte le vite contano

Ci voleva la morte di Joussef, piccolo bambino di 6 mesi, poco più che neonato, in un naufragio nel Mediterraneo, ci voleva la morte di Joussef e la disperazione della sua giovane mamma perché ci risvegliassimo e ci accorgessimo che gli sbarchi continuano, che le stragi continuano, nell’indifferenza generale.

Continue reading

Ri-costruire: il mondo che vorremmo

Il Covid ha, in qualche modo, ancor più sottolineato la necessità di cambiamento. Ci ha messi brutalmente di fronte a tutte le fragilità del nostro tempo, in cui sembrano prevalere la divisione, la paura dell’altro, l’indifferenza, l’odio, lo scontro tra religioni, lo sconforto. Ma è proprio in un momento come questo

Continue reading